L'Alberochenonc'è.





Pubblicato l'8 maggio 2013.



I libri della mia infanzia
di Anika_Blue

Fairy Oak.
Scritti da Elisabetta Gnone  e editi dalla De Agostini, i libri della collana Fairy Oak coinvolgono per le atmosfere, la descrizione dei luoghi, le vicende delle protagoniste e la caratterizzazione dei personaggi. Fairy Oak è un villaggio magico e antico. Situato nella valle di VerdePiano è abitato da creature magiche ed esseri umani, ma è difficile distinguere gli uni dagli altri. Maghi, streghe e comuni cittadini abitano le sue case di pietra da tanto di quel tempo che ormai nessuno fa più caso alle stranezze.
Molto belle le immagini che richiamano, a mio parere, le illustrazioni di Sarah Kay. Le ho riprodotte nel tempo in un album e colorate con tutte le tecniche che conosco.
Età di lettura: da 8 anni.

Maga Martina.


Una bambina magica, un misterioso libro magico e tante avventure: questi sono gli ingredienti della collana Maga Martina scritta da Ludger Jockman, meglio noto come Knister.
Scrittore di libri per bambini dal 1978, si dice che Knister sia un pò matto, divertente e travolgente, sempre.
Età di lettura :7+











I libri di Geronimo e Tea Stilton.

Ricchi di illustrazioni colorate e talvolta di profumi, i libri degli Stilton:  li collezionavo.
   


E i classici?

Un classico della letteratura inglese, Oliver Twist di Charles Dickens, in una edizione per giovani lettori ricca di contenuti speciali (fotografie, disegni, didascalie) che riconducono all'epoca vittoriana, in una Londra popolata di personaggi magnificamente delineati che si imprimono nella memoria.








E poi... Il vento nei salici.
Un classico libro di formazione dei più piccoli, scritto da Kenneth Grahame, adattato da Inga Moore. Le avventure di Talpa, di Rospo, di Topo e degli altri loro compagni che abitano sulle rive del fiume, ricreano situazioni che si addicono al mondo infantile.
Belle le illustrazioni della Moore che danno al testo un senso di leggerezza e riportano ad atmosfere lontane.
Eta di lettura 9+









E le favole tradizionali dei Grimm, di Andersen, da leggere o da farsi leggere dalla mamma o dal papà prima di andare a letto o nei pomeriggi d'inverno seduti sul divano.
E i "mielosi" libri con protagonista Winnie Pooh e i suoi compagni, nel Bosco dei Cento Acri....e le trasposizioni letterari dei film Disney...






















E ancora continuo a leggere ad un ritmo irrefrenabile e condivido di Petrarca le parole:
"Sono posseduto da una passione inesauribile che finora non ho potuto né voluto frenare. Non riesco a saziarmi di libri".
(F. Petrarca)









Commenti

Post popolari in questo blog

La filosofia è necessaria: il metodo zetetico.

L'infanzia nel medioevo e nell'età moderna

Agatha Mistery: la spada del re di Scozia