Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

Lo strano caso dell'apprendista libraia

Immagine
Oggi diamo il benvenuto ad una nuova redattrice dell'Isolachenonc'è, Vincenza o più semplicemente Vinc. Vinc è una lettrice onnivora; come lei stessa dichiara, ama i libri in maniera incondizionata,  eccetto i romanzi horror  che la spaventano,   Definisce questo amore "di natura sconosciuta", visto che in famiglia è l'unica a provarlo. Vinc  ritiene, inoltre, che la lettura sia un modo per evadere dalla monotonia -"chi legge vive molte vite"- oltre ad essere il punto di partenza per interessanti scambi d'opinione con le amiche. Vinc si presenta a noi con la recensione di "Lo strano caso dell'apprendista libraia", che non a caso è una dichiarazione d'amore per i libri e l'amicizia. Buona lettura.


"Se starò con lui, gli dimostrerò che vale la pena di amarmi. O magari è esattamente il contrario, e lui non ha ancora capito che anche lui è degno di essere amato. Posso farglielo capire. E se alla fine dovesse andare tutto male,…

Cinema che passione: Wadjda -La bicicletta verde-

Immagine
In un mondo conservatore vuole aggirare le restrizioni e le barriere sociali sia a casa che a scuola, Wadjda una ragazzina di dieci anni che vive in un sobborgo di Riyadh, la capitale dell'Arabia Saudita. Indossa scarpe da ginnastica Converse nere e lacci viola; ama la musica pop; si tinge le unghie dei piedi con smalto turchese; ha un velo che non sembra mai stare fermo e non si nasconde davanti agli uomini. Dopo una lotta con il suo amico Abdullah, un ragazzo di quartiere con cui non dovrebbe giocare,  Wadjda vede una bella bicicletta verde in vendita. Lei vuole disperatamente la bicicletta in modo da battere Abdullah in una gara. Ma la bicicletta, in un ambiente dove la mobilità delle donne è limitata, è un ulteriore attento alla virtù di una ragazza, alla sua verginità. Sua madre, impegnata tra l'altro a dissuadere il marito dal prendere una nuova moglie, non lo permette temendo ripercussioni.  Così Wadjda decide di provare a racimolare da sola i soldi necessari all'ac…

La terrazza proibita

Immagine
Oggi diamo il benvenuto ad una nuova redattrice dell'Isolachenonc'è, la poliedrica Tania, lettrice, viaggiatrice, appassionata di fotografia,  che si presenta a noi con questa recensione.
Buona lettura.

1940, nasceva in Marocco, nella città imperiale di Fez, Fatema Mernissi, voce innovativa ed originale del Maghreb e di tutti i paesi arabi, studiosa, conoscitrice dell'Islam e docente di sociologia all'Università Mohamed V di Rabat.
E' conosciuta in Italia con la sua opera più famosa, una sorta di romanzo autobiografico, La terrazza proibita, uno spaccato della sua infanzia nella Medina, nel riad di famiglia, una grande famiglia allargata, conservatrice e moderna allo stesso tempo.

“Allàh aveva mandato in Marocco gli eserciti del nord per punire gli uomini, colpevoli di aver violato gli hudùd che proteggevano le donne. Chi fa torto a una donna viola i sacri confini di Allàh. È illecito far torto a chi non può difendersi.” Ha così inizio la versione romanzata della …

Un racconto

Un  racconto non è un romanzo. Un romanzo  si può scrivere solo rinunciando alle minuscole, ripetitive eresie dei racconti; le mostruosità effimere, le frettolose perversioni, gli appunti per un delirio. Perché se «il romanzo è impresa monoteistica», il racconto invece è per sua natura profonda sempre «polimorfo». 
Giorgio Manganelli

Adoro il salto rapido che c'è in un buon racconto, l'emozione che spesso ha inizio sin dalla prima frase...
Raymond Carver:

Segnaliamo una nuova uscita TEA

Immagine
Anche TEA torna in libreria il 25 settembre 2014, con un nuovo romanzo di Gianni Simoni: 
TROPPO TARDI PER LA VERITA’. 
272 pagine al costo di 12 euro.
E’ l’ottava indagine dell’ex giudice Petri e del commissario Miceli. Leggiamo di cosa si tratta come da scheda di presentazione...
È notte fonda: un'auto lanciata a gran velocità per le strade di Brescia travolge un uomo, lasciandolo sull'asfalto senza vita, e dileguandosi. Sembrerebbe un triste caso di omicidio colposo con omissione di soccorso, come anche i testimoni oculari confermerebbero, ma il sovrintendente Armiento della Stradale non ne è convinto e decide di indagare per conto suo.Troppi particolari fuori posto: come mai la vittima non portava documenti con sé? Perché i due testimoni spariscono il giorno dopo l’incidente? Ad avvalorare i sospetti del poliziotto spunta, inatteso, un terzo testimone che, a distanza di qualche giorno, rovescia tutte le ipotesi avanzate fino a quel momento.Si apre così una nuova linea d'…

Edgar Allan Poe e i suoi viaggi immaginari.

Immagine
Genio sregolato, dotato di una straordinaria immaginazione creatrice che "trascende la facoltà media di un’intelligenza pratica", Edgar Allan Poe è certamente uno dei più grandi e misteriosi scrittori americani. Poeta, raffinato autore di racconti brevi, considerati veri e propri capolavori, fu maestro di gusto estetico e di un'arte in cui immaginazione e razionalità del metodo creativo si compenetravano perfettamente. Ramingo, in difficoltà finanziarie, spesso ubriaco o stordito dall'uso di oppio e hashish, irriverente, non conformistico, snob, frequentatore di bettole, gentleman del Sud, Poe fu l'archetipo di tante figure del Decadentismo europeo. In lui Baudelaire vide se stesso; Mallarmè ne creò l'immagine di autore di una poesia pura che "che non descrive la realtà, ma la dissolve nel sogno o in immagini vaghe, che ne suggeriscono tuttavia l’essenza più profonda" possibile di infiniti significati. Nell’America afflitta da povertà e schiavitù, Po…

Segnaliamo una novità

Immagine
Se due persone che erano estranee 
lasciano improvvisamente cadere la parete che le divideva,  e si sentono vicine, unite, 
quest’attimo di unione è una delle emozioni più eccitanti della nostra vita. Erich Fromm: L'Arte d' Amare.

Per i lettori appassionati, dopo la pausa estiva, Tre60 tornerà in libreria il 25 settembre 2014 con LONDON IN LOVE di Melinda Miller, un libro che, già dalla copertina, promette di conquistarci raccontando l'amore nella varietà dei suoi colori. Leggiamo insieme di cosa si tratta come da scheda di presentazione.
DIO SALVI I TACCHI… E L'AMORE
Cosa c'è di più magico che innamorarsi? Che domanda! Innamorarsi indossando un paio di Louboutin!

Melinda Miller
LONDON IN LOVE


Pagine 256
Prezzo 12,00
London in love è un romanzo a due voci. Lei è Lisa: trent'anni (o poco più), un fidanzato storico che l'ha appena lasciata e una gran voglia di ricominciare. E forse è possibile: trasferirsi a Londra, per un anno, a casa di un'amica. E poi chissà… Lui è…

Il silenzio dei rapiti. Jeffery Deaver

Immagine
Titolo: Il silenzio dei rapiti Autore: Jeffery Deaver Titolo originale: A Maiden’s Grave Casa editrice: Bur Biblioteca Universale Rizzoli Anno di pubblicazione:1995 Prezzo: 9,90






8,30


"Otto uccelli grigi, appollaiati nel buio. Soffia un vento freddo, indelicato."
Il piccolo scuolabus giallo raggiunse la sommità di una brusca salita sulla strada e, per un istante, tutto ciò che lei poté vedere fu un’immensa trapunta pallida di frumento, larga migliaia di chilometri, che ondeggiava, ondeggiava sotto il cielo grigio. Poi l’automezzo discese ancora una volta e l’orizzonte scomparve. "Appollaiati su un filo, sollevano le ali  e si allontanano tra le ribollenti nubi."
Quando si interruppe guardo le ragazze che annuivano in segno di approvazione. Si rese conto di essere rimasta a fissare la spessa coltre di frumento, ignorando il proprio pubblico. “Sei nervosa?”le domando Shannon. “Non chiederglielo”, la ammoni Beverly. “Porta male.” No spiegò Melanie, non era nervosa. Guardò nuovamente…

Norvegian Wood

Conosco la differenza tra le persone che sanno aprire il loro cuore
e quelle che non sanno.
Tu sai aprirlo ma solo quando dici tu.
- E se uno lo apre cosa accade?
- Si guarisce.

H. Murakami, "Norwegian Wood"

Il Simposio

Immagine
Un simposio (letteralmente bere insieme) era, nella Grecia Antica, sia una attività sociale che un genere letterario la cui sostanza era una descrizione della serata stessa. Come evento sociale, un simposio era un dopo cena alcolico durante il quale erano cantati inni, venivano versate libagioni e bevuto vino diluito con acqua. I partecipanti indossavano ghirlande e effluvi di profumi si diffondevano dai loro corpi. Un simposio, incluso il canto e il  bere, prevedeva la conversazione, la narrazione di indovinelli e favole, e la recitazione di versi dai classici a quelli più recenti. Si svolgevano giochi, e flautisti, danzatrici, mimi e acrobati allietavano la serata. L'attività omosessuale tra uomini e ragazzi era parte dei simposi come dimostrato da Kenneth J Dover, grande ellenista. Come genere letterario, la letteratura simposiaca si focalizza su una descrizione della conversazione e delle attività che accompagnano i simposi. Dei primi esempi si possono rintracciare nelle descr…

Praemonitus- L'ombra del destino

Immagine
Titolo: Praemonitus- L'ombra del destino vol. 1 Autore: Giulia Rizzi Casa editrice: Autopubblicato con Narcissus.me Prezzo: 1,99 € solo ebook Se volete acquistarlo lo trovate qui: Amazon
Una sola bambina dotata di incredibili e imprevedibili poteri potrebbe causare la fine dei Cinque Regni. Costantine Pentorius, malefico re di Chimera, tiene sotto osservazione, prigioniera, questa preziosa creatura, fino a quando la principessa di Naiade, Ileane, ottima combattente, porta a termine la sua missione riuscendo a trovare il nascondiglio oltre le Colline di Ghiaccio e prendendo con sè la bambina. La porta a palazzo dove suo padre, il re Herwig, deve eliminarla per il bene dell'unione. Poche gocce di veleno per porre fine senza dolore a quella pericolosa vita a cui due regni danno la caccia. Ma una strana sensazione si impadronisce del re: sapendo di fare l'unica cosa sensata, Herwig, trasgredendo le decisioni del Consiglio del Regno, ordina che la creatura sia risparmiata. Chiede l&…

Kierkegaard

La mia anima oscilla in questo tempo come la tomba di Maometto tra due magneti, senza aver trovato finora l'equilibrio: ambedue cercano di tirarla dalla propria parte.
Soren Kierkegaard


Argéman di Fabio Pusterla

Immagine
“Vento d’altura, cieli a perpendicolo. Il mattino oggi è una lastra di vetro verticale
da cui cadono cose.”
A quattro anni da Corpo Stellare, la nuova raccolta poetica di Fabio Pusterla: Argéman
“Argéman” significa lingua di neve perenne ma è anche il nome di un fiore purpureo del deserto e di un piccolo villaggio in Palestina, che dalle alture guarda il Giordano. Terra bruciata, muri, territori nemici, distruzione, catastrofe si connettono a  richiami lontanissimi di neve alpina, di luce, candore, speranza di un oltre e sabbia orientale. Nel dialogo muto e profondo tra la poesia (che secondo l’autore non può che essere etica) e i lettori si aprono piccole porte dove i affacciano volti, paure, domande che lacerano e mani da stringere. E se in Corpo Stellare, sua precedente raccolta poetica, era l’armadillo a insegnarci a resistere e sperare camminando controvento, in Argéman è la libellula, con il suo volo franto, ora leggero e veloce ora immobile, messaggera dei cieli e degli stagn…

Letteratura rinnovabile: da un'idea della casa editrice Marcos y Marcos

Immagine
“I libri sono batterie che non si scaricano mai, non hanno neppure bisogno di sole o vento per generare energia. I libri sono giacimenti di idee ed emozioni, risorse preziose a cui attingere per esplorare presente e futuro. La letteratura è fonte di energia.” Questo è quanto, in parte, si legge sul manifesto di Letteratura rinnovabile un’associazione culturale nata nel 2009 dalla riflessione degli editori Marcos y Marcos, Claudia Tarolo e Marco Zapparoli. A sostegno della lettura, Letteratura rinnovabile progetta e organizza iniziative creative  interagendo con librerie, scuole, biblioteche, editori, scrittori e chiunque ami i libri e creda nel loro inesauribile potenziale.
Per maggiori informazioni, potete contattare l'associazione all'indirizzo: 
www.letteraturarinnovabile.com/









Gli scarabocchi e l'inconscio.

Immagine
E’ capitato a tutti almeno una volta durante una conversazione telefonica o mentre si è in ufficio di fare scarabocchi sui foglietti, disegnando le cose più strane: fiorellini, cerchi, frecce, faccine.  Apparentemente questi segni sono privi di senso, ma in realtà ci danno una rappresentazione del nostro inconscio. Tutto accade a nostra insaputa. E' un gesto istintivo, involontario: si lascia scorrere in piena libertà la penna sul foglio e si incomincia ad "imbrattare" dove capita, senza estetismi, senza organizzazione formale o di significato. Evi Crotti, psicopedagogista, fondatrice e direttrice della scuola di formazione grafologica e psicologica di Milano ci dice che “disegnare ghirigori è un modo per concentrarsi ma anche per rilassarci, ed è un  modo di trasferire sul foglio quello che abbiamo dentro: tensioni, aggressività, ansia”. Insomma è proprio attraverso questi schizzi, che facciamo mentre pensiamo ad altro, che diamo  libero sfogo alle nostre emozioni.Dise…