Post

Lady Oscar

Immagine
Uno dei manga più influenti di sempre debuttava a marzo 1982 su Italia Uno
La rosa di Versailles era stato concepito come un manga storico sulla vita di Maria Antonietta, l’austriaca principessa andata in sposa al futuro Luigi XVI, ma i fan andarono letteralmente in visibilio per il personaggio Oscar François de Jarjayes, l'immaginaria sesta figlia di una vera e propria figura storica, François Augustin Regnier de Jarjayes. Nel manga Il generale vuole un figlio che possa ereditare il suo patrimonio e il suo titolo, per questo di fronte alla nascita dell’ennesima femmina decide di allevare la bambina come un ragazzo. Oscar impara la scherma e l’uso delle armi e non appena quattordicenne diventa guardia del corpo di Maria Antonietta. Il suo attendente è anche il suo migliore amico André Grandier, il nipote delle sua levatrice. Con lui Oscar vivrà emozionanti avventure fino allo scoppio della Rivoluzione francese. Anche se i personaggi che si susseguono nel manga non la c…

Bacha Posh

Immagine
Come si legge ne "Le ragazze segrete di Kabul" di Jenny Nordberg, la storia occidentale e quella orientale recano tracce, in quasi ogni epoca, di donne che hanno vestito abiti maschili. Zenobia era una una regina siriana del III secolo cresciuta come un ragazzo e che continuò a combattere l'impero romano a cavallo. Nello stesso periodo in Cina, si diffuse la leggenda di Hua Mulan che prese il posto di suo padre in battaglia, con indosso i suoi vestiti. Giovanna d'Arco adottò nel XIV secolo l'aspetto di un soldato di sesso maschile nella guerra della Francia contro la Chiesa cattolica inglese. Studi e ricerche mostrano l’esistenza nel medioevo di testi religiosi e perfino la Summa Theologica di Tommaso d'Aquino che autorizzavano le donne a vestire abiti maschili in particolari necessità. Gli storici hanno documentato l’esistenza in Europa di più di un centinaio di donne che tra i secoli XVI e XIX, quando gli esami medici non erano obbligatori, ha…

Etty Hillesum

Rompendo un silenzio durato decenni, i diari e le lettere di Etty Hillesum, giovane ebrea olandese,  raccontano di passioni erotiche, spirituali, intellettuali che convergono, nel buio della Seconda Guerra Mondiale, in una celebrazione della vita, in una chiara filosofia di amore verso Dio e l'umanità.
Continua sul sito...
http://www.lagunadellesirene.com/index.php/libri/item/356-etty-hillesum

Senryu

Immagine
Dei sei Rokutaika in Occidente si sa poco e niente, eppure essi  sono considerati in Giappone i padri del senryu moderno. A una selezione di loro componimenti, per la prima volta tradotti in italiano, l’antologia “Nella Tasca del Vento”, curata da Valeria Simonova-Cecon, è dedicata, corredata di commentari che aiutano ad andare nel profondo delle cose in ogni aspetto del testo. Si tratta di un'opera unica nel suo genere.
http://www.lagunadellesirene.com/index.php/libri/item/352-nella-tasca-del-vento

La strage di Piazza Fontana

La strage di Piazza Fontana, le vicende che ne seguirono, la reticenza delle istituzioni a dare un nome ai veri i colpevoli a favore di una cortina fumogena sulle responsabilità a più alto livello, segnarono una brutta pagina della nostra storia, oscura come in quegli anni oscura era la democrazia. Nell’800 l’antropologo criminale Cesare Lombroso si occupò degli anarchici raggruppandoli nella categoria dei criminali nati , disadattati, pazzi e mattoidi, la cui natura criminale era dimostrata dalle fattezze fisiche: zoppi, gobbi e asimmetrici.  Le affermazioni pregiudiziali di Lombroso trovavano giustificazione nell’allarme sociale di fine ‘800, nell’ondata di omicidi per mano di anarchici come quello del Re d’Italia Umberto I nel 1897.  Nel 1969 questo allarme non c’era eppure per la strage nella Banca dell’Agricoltura di Piazza Fontana del 12 dicembre vennero fermati nella questura di Milano esponenti della galassia anarchica che ruotavano intorno a gruppi come il 22 ma…

L'ultima volta che ti ho detto addio

Immagine
Il dolore, il senso di colpa, la forza di andare avanti permeano ogni secondo della storia narrata.
“L’ultima volta che ti ho detto addio” è un libro del 2015 di Cynthia Hand, edito in Italia da Mondadori. Un libro che promette bene, con una bella sinossi e una copertina meravigliosa...
http://www.lagunadellesirene.com/index.php/libri/item/332-l-ultima-volta-che-ti-ho-detto-addio


Riccardo III

Immagine
Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo. Questa è forse una delle citazioni più conosciute di William Shakespeare, il drammaturgo inglese più celebre al mondo.
Chi la pronuncia è Riccardo III, il gobbo fratello del re Edoardo IV di York , l'ultimo dei Plantageneti, che, assetato di potere e amareggiato per la sua deformità fisica, decide di uccidere chiunque deve per diventare lui re, per soddisfare la sua ambizione e accaparrarsi il potere assoluto. 
http://www.lagunadellesirene.com/index.php/spettacolo/item/100-riccardo-iii