Beatrix Potter


"C'era una volta c'erano quattro piccoli conigli, e i loro nomi erano -. Flopsy, Mopsy, Cotton-tail e Peter" Beatrix Potter, The Tale of Peter Rabbit
Ritrarre la natura nel modo più accurato possibile: questo era l’intento di Beatrix Helen Potter, l'autrice di uno dei libri più amati dai bambini di tutti i tempi, The Tale of Peter Rabbit (1902).  Anche se i suoi conigli indossano giacche o altri vestiti, le loro proporzioni  sono sempre anatomicamente corrette. Nata a Londra, al numero due di Bolton Gardens South Kensington, il 28 luglio 1866, Beatrix Potter fu una donna di grande talento, uno spirito infaticabile e  un cuore generoso.  Maggiore dei due figli di Rupert e Helen (Leech) Potter, il fratello Walter Bertram nacque quando lei aveva sei anni, Beatrix crebbe in una tipica famiglia vittoriana, in una grande casa con la servitù. La sua infanzia e l’adolescenza si svolsero prevalentemente al piano superiore dell’abitazione a stretto contatto con diverse governanti che si occuparono di lei e della sua educazione morale e scolastica. Poco tolleranti a che i figli si mescolassero agli altri bambini, i Potter tuttavia ne incoraggiarono e alimentarono il talento artistico, ingaggiando una insegnante d’arte. Concessero loro di tenere nella stanza-aula diversi animali: conigli, un riccio, alcuni topi, rane, serpenti, lumache , pipistrelli e una collezione di insetti, tutti identificati e disegnati con la stessa precisione che avrebbe poi contraddistinto Beatrix come naturalista. Sebbene i fratelli Potter crebbero sostanzialmente a Londra, entrambi furono profondamente influenzati dalle lunghe vacanze con la famiglia in campagna, prima in Scozia e poi nel Lake District inglese.  Era nella casa in campagna nel Perthshire che Beatrix e suo fratello avevano la libertà di esplorare e osservare i particolari della flora e della fauna che circondava la casa con l’occhio di un artista per i dettagli. L’estate in cui Beatrix aveva sedici anni la famiglia Potter affittò una proprietà nel Lake District. La bellezza del paesaggio esercitò su Beatrix un’attrazione che durò per tutta la vita al punto che, una volta divenuta famosa con la vendita dei suoi libri, acquistò nella zona dei laghi diverse proprietà al fine di godere del suo amore per la vita contadine e preservare la bellezza dei luoghi...

La storia del disobbediente Peter Coniglio nell’orto del Signor McGregor apparve per la prima volta in una lettera illustrata che Beatrix Potter indirizzò a Noel Moore, il figlio della sua governante, nel 1893. Sette anni dopo quella lettera fu trasformata da Beatrix, ampliandone la storia, in un libricino con illustrazioni in bianco e nero. Il libro venne rifiutato da molte case editrici, così Miss Potter decise di pubblicarlo a sue spese per donarlo a parenti e amici. Il libro vide finalmente la luce nel 1902, al costo di uno scellino quando Frederick Warne acconsentì a pubblicare il racconto, a patto che l’autrice fornisse illustrazioni a colori. Fu un successo immediato... 

                                     
Incentrata sulla relazione tra Beatrix Potter e Norman Warne, suo editore, che si sviluppava mentre lavoravano insieme alla pubblicazione dei primi libri di Peter Rabbit e che si  concluse tragicamente con la morte prematura di lui, il  film, Miss Potter, ha come protagonista Renée Zellweger e Ewan McGregor.

Per maggiori informazioni  su Beatrix Potter e il mondo di Peter Coniglio 
http://www.peterrabbit.com/en/







Commenti

Post popolari in questo blog

La filosofia è necessaria: il metodo zetetico.

L'infanzia nel medioevo e nell'età moderna

La modernità di Virginia Woolf: Mrs Dalloway.