Violenza sulla donne


Non c’è giorno che non si legga nei giornali o che si ascolti attraverso i mass media di casi di violenze sulle donne perpetrate da mariti, conviventi, compagni di scuola, padri, uomini senza un briciolo di coscienza e di rispetto verso la Donna in quanto tale. Ma ci sarà mai una spiegazione a tanta brutalità? In realtà molteplici sono state le interpretazioni sulla ricerca delle cause di tali comportamenti; interpretazioni che analizzano l'aspetto psico-culturale altri che invece considerano la situazione socio-economica. Collegando la violenza ad un fatto culturale ed educativo si può ritenere che i fautori della violenza sono spesso uomini che sono stati educati nella violenza o peggio ancora hanno assistito a vere e proprie brutalità sulle loro madri.  È stato infatti dimostrato che se un bambino o una bambina assistono a violenza sistematica da parte di un genitore verso l’altro genitore o verso un fratello o se essi stessi subiscono violenza, è più facile che poi utilizzino la violenza quando si trovano in condizioni di stress (Straus, 1998). Dunque  questa violenza nasce da un sentimento di helplessness, ossia di  impotenza, di fragilità, considerata inaccettabile, alla quale si cerca di resistere picchiando. La violenza per molti soggetti risulta essere il tentativo di controllare la depressione derivata da sentimenti di umiliazione inaccettabili. Alcuni psicologi riducono il tutto ad una questione di potere e di indebolimento dell'Io, cioè ad una bassa autostima. Essendo dunque la violenza alimentata da un profondo retaggio culturale maschilista che assegna all’uomo un ruolo predominante all’interno sia della famiglia che della società, quando questo potere da parte dell’uomo non viene più esercitato, vuoi perché la donna si rende indipendente dal punto di vista lavorativo, vuoi perché socialmente l’uomo non si sente accettato e soddisfatto che ecco scattare la violenza verso qualcuno che inconsciamente o anche no si ritiene meglio di lui. Personalmente, in questo caso specifico accanto ad un ruolo di potere si potrebbe ricercare un eventuale trauma che ha condizionato l'uomo-bambino verso comportamenti violenti e dunque una giusta terapia psicologica riuscirebbe a capire l'eziologia di tali comportamenti e di conseguenza a curarli. Ma esistono anche casi in cui chi ha subìto maltrattamenti da piccolo da adulto non li ripete, anzi solidarizza con le vittime perché ha avuto la possibilità di elaborare la propria esperienza. Che la cultura maschilista sia molto diffusa nel nostro paese è dimostrato dal fatto che in molti settori lavorativi la donna viene ancora limitatamente emarginata; anche nelle consuetudini la cultura maschilista è presente  basti pensare  ad esempio che la donna, il più delle volte, è condotta al matrimonio  dal padre che la consegna allo sposo: dunque il passaggio da uomo a uomo. Tale retaggio culturale si basa anche sul bisogno del possesso, la conquista diventa possesso ed il non possedere diventa sconfitta davanti alla quale l'unico gesto che gratifica è rimpossessarsi dell’ oggetto perduto. Sembra quasi che, allora, chi sta male per la perdita dell'oggetto elabori in sè un costrutto mentale, assolutamente patologico, che lo porta ad affermare: "Sei mia in ogni caso e se non ti posso avere qui, nella vita terrena, nessuno dovrà possederti". Da un punto di vista socio-economico è un luogo comune ritenere che la violenza si consuma in condizioni di povertà e di disagio sociale poiché è diffusa in ogni contesto sociale, senza distinzione di tipo economico, culturale o razziale. I semi della violenza vanno dunque ricercati nelle piaghe della società, nella difficile relazione tra uomini e donne, nell’educazione genitoriale nonché negli stili di vita della società moderna. In molti casi le donne purtroppo non riescono ad uscire da relazioni  pericolose evitando anche di denunciare il proprio aguzzino Donne che accettano la compagnia di uomini violenti sviluppano nei loro confronti spesso relazioni di dipendenza. È importante che la donna impari a riconoscere le situazioni rischiose, anche il più piccolo segnale di violenza, (un urlo improvviso, un attacco di gelosia) deve essere preso in considerazione ed interpretato come messaggio prezioso per considerare un rapporto potenzialmente a rischio. L’amore di una donna non cambia un uomo violento. Si cura con la piena consapevolezza del suo problema e con il doloroso cammino psicoterapico.






Straus M.A (1998). The controversy over domestic violence by women: a methodological theoretical and sociology of science analysis

Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2012/05/femminicidio-psicologia/



Commenti

Post popolari in questo blog

La filosofia è necessaria: il metodo zetetico.

L'infanzia nel medioevo e nell'età moderna

La modernità di Virginia Woolf: Mrs Dalloway.