Comunicazione Marcos Y Marcos: una nuova uscita il 19 marzo

“Lasciarono la costa e penetrarono in un’ampia valle contornata da montagne che sembravano zanne pronte ad addentare il cielo. Poi il paesaggio si ammorbidì: aranceti, oliveti, vigne, campi a ortaggi; in fondo, quasi celato da un grande parco, ecco il baglio.”






Giorgio Caponetti
LA CARTA DELLA REGINA
MARCOSultra, 336 pagine
12 euro

In libreria dal 19 marzo


Scheda Libro

Profumi intensi lo assalgono appena scende dall’aereo: “La Sicilia...” pensa Alvise, che ha lasciato a malincuore Venezia per accompagnare la nipote all’altare. Il baglio della famiglia dello sposo è di pietra millenaria. Risuona ancora per le stanze la voce di Adelasia, regina delle mescolanze. La sua nobiltà rivive ora in Dedè, bella signora, che gli versa latte di mandorla nel bicchiere gelato e sospira: il baglio è minacciato da viscidi individui... Nella torre dei falchi, all’imbrunire, Alvise avverte uno scricchiolio sinistro. Cede una scala a pioli e scoperchia segreti; fogli di carta antichissima si sbriciolano nel buio di una stanza. Ormai solo un colpo di genio potrà riscattare questa famiglia, che Alvise comincia a sentire un po’ sua. Un piano rocambolesco che ci porterà nel cuore di un’invenzione che ha cambiato il mondo: la meravigliosa invenzione della carta. La carta della regina ci avvolge nel fascino della Sicilia, della Storia e delle sottovesti ancora intatte di un’antica regina. La strana storia di un falconiere piuttosto sbadato di un foglio di carta che cambia il destino di una donna di oggi che si scopre regina. Un’avventura di Alvise Pàvari dal Canal “ Alla loro sinistra, il mare scintillava al sole del mattino. Sulla destra, monti aspri. La vecchia vettura non aveva l’aria condizionata e dal finestrino aperto arrivavano profumi intensi, quasi appiccicosi, a volte violenti. ‘La Sicilia’ pensò.” 

L'autore
Giorgio Caponetti è nato a Torino nel 1945. Dopo una brillante carriera di pubblicitario, si trasferisce in campagna – prima nel Monferrato e poi in Maremma – per diventare allevatore e addestratore di cavalli, istruttore d’equitazione, regista e conduttore di spettacoli e di documentari equestri. Da molti anni vive con la famiglia in una verdissima tenuta a Tuscania, con tanto di necropoli etrusca; di recente ha anche cominciato a insegnare ippologia all’università. Il suo primo romanzo, Quando l’automobile uccise la cavalleria, racconta la storia segreta della fondazione della Fiat; con Due belle sfere di vetro ambrato ha inaugurato la serie di avventure di Alvise Pàvari dal Canal, grande esperto di cavalli e grande viaggiatore, pericolosamente sensibile alle donne e al mistero. Il secondo romanzo della serie, Venivano da lontano, ci riporta all’epoca degli etruschi e si svolge a Tuscania. Con La carta della regina, Alvise lascia Venezia per immergersi in un’avventura siciliana.

Commenti

Post popolari in questo blog

La filosofia è necessaria: il metodo zetetico.

L'infanzia nel medioevo e nell'età moderna

La modernità di Virginia Woolf: Mrs Dalloway.