Lady Oscar


Uno dei manga più influenti di sempre debuttava a marzo 1982 su Italia Uno
La rosa di Versailles era stato concepito come un manga storico sulla vita di Maria Antonietta, l’austriaca principessa andata in sposa al futuro Luigi XVI, ma i fan andarono letteralmente in visibilio per il personaggio Oscar François de Jarjayes, l'immaginaria sesta figlia di una vera e propria figura storica, François Augustin Regnier de Jarjayes. Nel manga Il generale vuole un figlio che possa ereditare il suo patrimonio e il suo titolo, per questo di fronte alla nascita dell’ennesima femmina decide di allevare la bambina come un ragazzo. Oscar impara la scherma e l’uso delle armi e non appena quattordicenne diventa guardia del corpo di Maria Antonietta. Il suo attendente è anche il suo migliore amico André Grandier, il nipote delle sua levatrice. Con lui Oscar vivrà emozionanti avventure fino allo scoppio della Rivoluzione francese. Anche se i personaggi che si susseguono nel manga non la conoscono e credono assai spesso che lei è un uomo, la sua identità di donna non è un segreto e lei è accettata così come lei dai suoi amici e colleghi della guardia reale di cui ne assume il comando. Schietta, bella, coraggiosa, determinata, rispettata e ammirata per la sua lealtà, onestà e il forte senso di giustizia sociale, Oscar è anche sensibile e delicata come una rosa. Gode dell'amicizia di molti e della romantica attenzione di persone di una varietà di generi. La rosa di Versailles ha ispirato un genere di manga e anime che celebrano il romanticismo adolescenziale: i shojo manga. Tuttavia, i temi centrali del manga sono l’autodeterminazione, la lotta contro un sistema giuridico e sociale opprimente, la sessualità, e gli effetti dannosi di una mascolinità che rischia di sfociare in misoginia.

L’autrice Riyoko Ikeda è nata nel 1947. Meglio conosciuto come un artista manga, Ikeda ha anche lavorato come sceneggiatrice; nel 2001, si iscrive e poi si laurea alla scuola di musica diventando soprano.
Da youtube la sigla italiana dell'anime.

Commenti

Post popolari in questo blog

La filosofia è necessaria: il metodo zetetico.

L'infanzia nel medioevo e nell'età moderna

La modernità di Virginia Woolf: Mrs Dalloway.